Novità Incentivi alle Imprese

//Novità Incentivi alle Imprese

Novità Incentivi alle Imprese

2019-03-29T16:39:02+00:00News del giorno|0 Commenti

Una rivoluzione per gli incentivi alle imprese. Dai contributi del 50% per la trasformazione digitale dei processi produttivi al credito d’imposta per le assunzioni nelle startup innovative, passando per una legge Sabatini senza limite e potenziata per favorire capitalizzazione e ricambio generazionale e i contributi a sostegno dell’economia circolare. Sono solo alcuni degli strumenti di agevolazione alle imprese che saranno lanciati dal decreto legge per la crescita, in dirittura in consiglio dei ministri che dovrebbe approvarlo in settimana dopo averne iniziato l’esame qualche giorno fa. La bozza di dl prevede anche un nuovo meccanismo per rendere gli incentivi più conoscibili alle imprese, avvia un processo di rafforzamento degli incentivi gestiti da Invitalia, estende l’applicazione degli incentivi per l’internazionalizzazione e calendarizza la pubblicazione dei bandi a sostegno della proprietà intellettuale (si veda altro articolo in pagina).

Il nuovo contributo per spingere Industria 4.0. Uno stanziamento di 100 milioni di euro permetterà di lanciare il nuovo incentivo denominato «agevolazioni per la trasformazione digitale dei processi produttivi delle pmi». L’agevolazione, in regime de minimis, coprirà il 50% delle spese per implementare le tecnologie abilitanti di Impresa 4.0 all’interno dei cicli produttivi. Sarà rivolta a imprese con un fatturato di almeno 500 mila euro e che propongano investimenti agevolabili per almeno 200 mila euro.

Le misure per rendere gli investimenti programmabili. Il ministro dello sviluppo economico sarà chiamato a pubblicare, entro il 31 gennaio di ciascun anno, un avviso in G.U. e nel portale istituzionale relativo agli interventi attivi, indicando l’eventuale data di decorrenza dei termini per la presentazione delle domande e di chiusura dei termini stessi. L’obiettivo è facilitare la programmazione degli investimenti da parte delle imprese. Sarà inoltre programma annualmente l’uscita dei bandi brevetti+, marchi+ e disegni+.

ADVERTISEMENT

Gli incentivi Invitalia. Potenziata la misura per l’autoimprenditorialità a prevalente partecipazione giovanile e femminile. Saranno ammesse alla presentazione della domanda imprese che siano costituite da non più di 60 mesi alla data di presentazione, anziché 12 mesi come attualmente previsto. Gli investimenti saranno agevolati al 90% e l’importo delle spese sarò innalzato a 3 milioni di euro per le imprese con più di 36 mesi di vita. La durata del mutuo agevolato viene aumentata da otto anni a dieci anni. Sono previste anche novità che andranno a potenziare, tramite successivi provvedimenti, sia l’agevolazione Smart&start per le startup innovative che l’agevolazione per gli interventi per le aree di crisi industriale agevolati ai sensi della legge 15 maggio 1989, n. 181.

Le novità per la Sabatini. Sarà eliminato il tetto massimo di 2 milioni di euro di investimenti agevolabili previsto per la Sabatini. Inoltre, i finanziamenti fino a 100 mila euro potranno godere dell’erogazione del contributo in un’unica soluzione. La Sabatini sarà inoltre arricchita di una nuova misura a sostegno della capitalizzazione e del ricambio generazionale. Le piccole e medie imprese interessate potranno agevolare i programmi di investimento beneficiando di un contributo Sabatini potenziato, al 5% per le micro e piccole e imprese e al 3,575% per le medie imprese.

Personale qualificato. Un fondo di 100 milioni di euro permetterà di concedere un credito d’imposta del 50% del costo aziendale sostenuto dalle startup innovative per le assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato. L’agevolazione sarà concessa in regime de minimis.

Informazioni sull'autore

Scrivi un commento