AGEVOLAZIONI

Cashback – Disposizione attuative – Strumenti di pagamento a uso promiscuo – Profili critici

La prima fase del programma di rimborsi ai privati che effettuano pagamenti con strumenti elettronici (c.d. “cashback”) è operativa sino al 31.12.2020.
A tal fine, è necessario effettuare almeno 10 transazioni con strumenti di pagamento elettronici, il che consentirà di ricevere, nel mese di febbraio 2021, un rimborso pari al 10% di ciascuna transazione. Ai fini del rimborso, rilevano i soli importi non superiori a 150,00 euro.
In base al DM 24.11.2020, per accedere al programma, gli acquisti con strumenti di pagamenti elettronici devono essere effettuati “fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione”.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Cashback con limiti per professionisti e imprenditori individuali” – Greco 


AGEVOLAZIONI | AGEVOLAZIONI FISCALI | CREDITO D’IMPOSTA PER LOCAZIONE DI IMMOBILI AD USO NON ABITATIVO

Profili critici

L’Autore riassume i punti critici del credito d’imposta sulla locazione di immobili ad uso non abitativo, come previsto dall’art. 28 del DL 34/2020 e dai decreti “Ristori”. In particolare, sono necessari chiarimenti ufficiali:
– sugli effetti dei “cambi di zona rossa” sul credito d’imposta previsto dai decreti “Ristori”, per confermare se, come ipotizzato dai commentatori, anche solo il passaggio in zona rossa possa consentire l’accesso al credito per tutti e tre i mesi di ottobre, novembre e dicembre;… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 23 – “Tax credit affitti da chiarire per zone rosse e punti vendita” – Gavelli 


AGEVOLAZIONI | CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO CORONAVIRUS

Contributo per i servizi di ristorazione – Novità del DL 172/2020 (c.d. DL “Natale”)

L’art. 2 del DL 18.12.2020 n. 172 (c.d. DL “Natale”), pubblicato sulla G.U. 18.12.2020 n. 313, riconosce un nuovo contributo a fondo perduto per l’attività dei servizi di ristorazione, al fine di sostenere gli operatori interessati dalle misure restrittive introdotte dal medesimo DL.
Il nuovo contributo è riconosciuto:
– ai soggetti che al 19.12.2020 (data di entrata in vigore del DL 172/2020), hanno la partita IVA attiva e, ai sensi dell’art. 35 del DPR 633/72, dichiarano di svolgere come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO riportati nella tabella di cui all’Allegato 1 al DL 172/2020;… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Nuovo contributo a fondo perduto per la ristorazione nel DL Natale” – Alberti 


CONTABILITÀ | PRINCIPI CONTABILI | PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

Finanziamenti infragruppo a condizioni significativamente diverse da quelle di mercato – Riserva da deemed contribution – Facoltà di distribuzione

Con riferimento ai soggetti IAS/IFRS adopter, l’art. 6 del DLgs. 38/2005 reca uno specifico regime di indistribuibilità degli utili e delle riserve derivanti dalle valutazioni al fair value o al patrimonio netto, in sostanza escludendo dal divieto di distribuzione le sole plusvalenze riferibili agli strumenti finanziari di negoziazione.
L’Autore osserva, però, che tale disposizione non regola la sorte in termini di distribuibilità o meno delle riserve diverse da quelle indicate.
Non è quindi chiaro se vi sia la possibilità di distribuire o meno le riserve da deemed contribution appostate a fronte della contabilizzazione dei finanziamenti infragruppo non a tassi di mercato.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – ““Deemed contribution” al rebus distribuibilità” – Russo 


DIRITTO COMMERCIALE | ENTI NON COMMERCIALI

Enti del Terzo settore – Organi di controllo pluripersonali – Modalità di funzionamento

Tra le posizioni assunte dalle norme di comportamento degli enti del Terzo settore emanate e pubblicate sul sito del CNDCEC lo scorso 11.12.2020 si evidenzia come il funzionamento dell’organo di controllo pluripersonale negli enti del Terzo settore segua le regole del collegio sindacale. In tale ambito, la norma 2.1 prevede la necessità di riunioni collegiali per l’espletamento dei controlli periodici almeno ogni 90 giorni, da verbalizzare nell’apposito libro dell’organo di controllo. L’organo di controllo potrà riunirsi e partecipare a CdA e assemblee anche con modalità virtuali attraverso audio e videoconferenze o chat-room. … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Organi di controllo pluripersonali negli ETS con le regole del collegio sindacale” – De Angelis 


DIRITTO PENALE | PENALE TRIBUTARIO | NUOVO SISTEMA PENALE TRIBUTARIO (DLGS. 74/2000)

Confisca (e sequestro) per equivalente – Reati commessi dall’amministratore ma non nell’ambito della gestione della società-schermo – Ammissibilità (Cass. pen. 9.12.2020 n. 34956)

La Corte di Cassazione, nella sentenza 9.12.2020 n. 34956, ha stabilito che la confisca (e, in via preventiva, il sequestro) per equivalente dei beni di una società-schermo è possibile anche in relazione a reati tributari non commessi nel contesto dell’amministrazione della stessa.
Ciò che conta non è il legame tra commissione del reato ed operatività della società-schermo, ma la riferibilità di quest’ultima, e dei beni e valori del suo patrimonio, al soggetto che di quelle utilità abbia la concreta disponibilità quale amministratore (anche soltanto di fatto) dell’ente.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Società schermo con confisca per equivalente ampia” – Meoli 


FISCALE | IMPOSTE DIRETTE | IRES | NORME GENERALI SULLE VALUTAZIONI | TRANSFER PRICING

Finanziamento infruttifero tra società con vincolo di partecipazione del 48% – Esclusione (C.T. II grado Bolzano 4.12.2020 n. 55/2)

La C.T. Reg. Bolzano 4.12.2020 n. 55/2 esclude l’applicabilità della normativa sui prezzi di trasferimento a un finanziamento infruttifero concesso da una società italiana ad una controllata cilena al 48%, in quanto si tratta di una partecipazione minoritaria che non consente di esercitare il controllo né di diritto né di fatto sulla società cilena.
Inoltre, secondo la C.T. Reg., l’ufficio non ha provato l’esistenza di componenti reddituali ai quali sarebbe applicabile la disciplina, tassando proventi figurativi ed ipotetici; secondo i giudici, nel nostro ordinamento giuridico non vi è una presunzione assoluta di onerosità, per cui anche un finanziamento non oneroso può essere conforme al principio di libera c… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 26 – “La partecipazione minoritaria «salva» l’impresa dalle norme di transfer pricing” – Bellini 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | ALTRE IMPOSTE INDIRETTE | IMPOSTA DI BOLLO

Imposta di bollo sulla fattura elettronica – Modifica termini di versamento – Integrazione delle e-fatture da parte dell’Agenzia delle Entrate (DM 4.12.2020)

Con il DM 4.12.2020, pubblicato il 19.12.2020 in Gazzetta Ufficiale, il MEF ha stabilito che il pagamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel primo, terzo e quarto trimestre, deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo. Il versamento dell’imposta dovuta sulle e-fatture relative al secondo trimestre solare deve essere eseguito entro l’ultimo giorno del terzo mese successivo.
Vengono, inoltre, sostanzialmente confermate le agevolazioni che interessano i soggetti tenuti al versamento di importi che non superano 250 euro nel primo o nei primi due trimestri dell’anno.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Più tempo per versare l’imposta di bollo sulle e-fatture” – Bilancini 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | ALTRE IMPOSTE INDIRETTE | IMPOSTA SUL CONSUMO DEI MANUFATTI CON SINGOLO IMPIEGO (PLASTIC TAX)

Plastic tax UE – Prelievo sui rifiuti di plastica non riciclati (decisione UE, Euratom 14.12.2020 n. 2053)

Con la decisione (UE, Euratom) 14.12.2020 n. 2053, è stato previsto un prelievo sul peso dei rifiuti di imballaggio di plastica non riciclati generati in ciascuno Stato membro dell’UE (c.d. “plastic tax UE”).
A tale proposito, gli Autori rilevano, fra l’altro, quanto segue:
– tale prelievo è calcolato come differenza tra il peso dei rifiuti di imballaggio di plastica prodotti in uno Stato membro in un determinato anno e il peso dei rifiuti di imballaggio di plastica riciclati nello stesso anno;… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “In arrivo un’ulteriore plastic tax dalla Ue” – Coaloa – Di Salvo 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | IVA | DISPOSIZIONI GENERALI | TERRITORIALITÀ DELL’IMPOSTA

Manifestazioni artistiche, sportive, culturali e scientifiche – Profili critici

A parere degli Autori, tenendo conto della relazione esistente tra le disposizioni della direttiva 2006/112/Ce che regolano la territorialità IVA delle manifestazioni artistiche, sportive, culturali e scientifiche e quelle che regolano la tassazione dei servizi relativi a immobili, dovrebbero potersi individuare i seguenti principi:
– se l’evento è fornito, per così dire, “chiavi in mano” al destinatario soggetto passivo, il servizio è rilevante ai fini IVA nello Stato membro del committente;… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 24 – “Arte, sport e cultura: per eventi e servizi si paga l’Iva nello Stato del committente” – Rizzardi – Santacroce 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | IVA | OBBLIGHI DEI CONTRIBUENTI | VARIAZIONE DELL’IMPONIBILE O DELL’IMPOSTA

Abbuoni o sconti concessi al consumatore finale (risposta interpello Agenzia delle Entrate 15.12.2020 n. 592)

In merito al trattamento IVA da riservare ai “buoni sconto” emessi da una società e distribuiti agli esercenti al fine di far beneficiare di un rimborso il consumatore finale, la risposta Agenzia delle Entrate 15.12.2020 n. 592 ha chiarito che:
– ai “buoni sconto” non si applica la disciplina speciale prevista per i “buoni corrispettivo” (art. 6-bis e ss. del DPR 633/72), nella misura in cui i primi sono strumenti che consentono solo di ottenere una riduzione del prezzo di acquisto e non anche di ricevere beni o servizi;… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Confermato il recupero dell’IVA sui buoni sconto” – Rossi – Riva 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | SUCCESSIONI E DONAZIONI

Dichiarazione di successione infedele – Termini di accertamento

L’infedele dichiarazione di successione, ai sensi dell’art. 27 del DLgs. 346/90, va contestata a pena di decadenza entro due anni dal pagamento dell’imposta principale.
Gli Autori rilevano che:
– se il contribuente ha assolto in autoliquidazione le ipocatastali presentando una dichiarazione (infedele) dalla quale non emerge imposta, il dies a quo del termine biennale dovrebbe decorrere da tale pagamento;
– se il contribuente, dopo aver presentato una dichiarazione dalla quale emerge imposta, non paga il tributo successorio nei sessanta giorni successivi all’avviso di liquidazione, i due anni decorrono da quando tale imposta avrebbe dovuto ess… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Dichiarazione di successione infedele con decadenza problematica” – Cissello – Mauro 


FISCALE | RISCOSSIONE | RISCOSSIONE TRAMITE RUOLO | CARTELLA DI PAGAMENTO | TERMINI DI NOTIFICA

Termine del 31.12.2020 – Annualità in scadenza

Per effetto dell’art. 25 del DPR 602/73, la cartella di pagamento derivante da liquidazione automatica e controllo formale va notificata, a pena di decadenza, rispettivamente entro il 31.12 del terzo o del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione.
Tuttavia, in ragione dell’art. 68 del DL 18/2020, i termini che scadono nel 2020 slittano al 31.12.2022.
Pertanto:
– relativamente alla liquidazione automatica, per la dichiarazione presentata nel 2017 (anno d’imposta 2016), il termine per la notifica della cartella di pagamento scade non il 31.12.2020 ma il 31.12.2022;… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Le cartelle da 36-bis sui modelli REDDITI e IVA 2017 slittano a fine 2022” – Cissello 


FISCALE | TRIBUTI LOCALI | IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

Tributi locali – Termini in scadenza al 31.12.2020

In tema di notifica degli avvisi di accertamento ad opera degli enti locali, si può ritenere operante la sospensione dei termini dell’art. 67 co. 1 del DL 18/2020, dall’8.3.2020 al 31.5.2020. Così, i termini, relativi ad esempio al versamento IMU 2015, non scadrebbero il 31.12.2020 ma slitterebbero al 26.3.2021 (tesi sostenuta nella nota IFEL 22.6.2020).
Ciò si scontra con il fatto che le proroghe dei termini hanno trovato esaustiva disciplina nel successivo art. 157 del DL 34/2020, inapplicabile per gli enti locali. … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “La proroga a marzo 2021 per gli accertamenti IMU non convince” – Procopio 


FUNZIONI GIUDIZIARIE | PROCEDURE CONCORSUALI ANTE DLGS. 14/2019 | COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Novità del Ddl. di conversione del DL 137/2020 – Esdebitazione del debitore incapienze – Procedure familiari

Tra le novità più significative in materia di sovraindebitamento, introdotte dalla legge di conversione del DL 137/2020, si registra l’esdebitazione del debitore incapiente, che anticipa la disciplina del DLgs. 14/2019, in vigore dall’1.9.2021.
Si tratta di una forma di liberazione dai debiti per le persone fisiche sovraindebitate che non siano in grado di assicurare utilità ai creditori.
L’esdebitazione potrà essere concessa solo una volta e il debitore avrà l’obbligo di pagare il debito entro i quattro anni successivi al provvedimento del giudice, se sopravvengo utilità tali da consentire il soddisfacimento dei creditori in misura non inferiore al 10%.… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 30 – “Addio ai debiti senza pagare nulla: via d’uscita speciale per i meritevoli” – Nisivoccia 
Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 30 – “Progetto unico per i membri della stessa famiglia” – Nisivoccia 


INTERNAZIONALE | MONITORAGGIO FISCALE

Country by country reporting – Obblighi di rendicontazione delle imprese multinazionali – Termine del 31.12.2020

Scade il 31.12.2020 il termine per la trasmissione dei Country by Country report all’Agenzia delle Entrate da parte dei soggetti con periodo di imposta 2019 “solare” (art. 1 co. 145-146 della L. 208/2015).
Le informazioni da comunicare sono indicate nelle Tabelle allegate al DM 23.2.2017; in particolare:
– nella Tabella 1 si indicano i dati da fornire per ciascuno Stato estero in cui si opera, con controllate o S.O.;
– la Tabella 2 elenca le varie società e stabili organizzazioni del gruppo, unitamente alla natura dell’attività principale svolta da ciascuna di esse; … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Invio del Country by Country report entro il 31 dicembre” – Corso


INTERNAZIONALE | MONITORAGGIO FISCALE

Scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale – Novità del DLgs. 100/2020 (di recepimento della direttiva Dac6)

La comunicazione delle operazioni transfrontaliere “pericolose”, i cui presupposti sono individuati dal DLgs. 100/2020 e dal DM 17.11.2020, vede tuttora aspetti di incertezza. Tra questi, si segnalano:
– la verifica dell’obbligo di comunicazione in capo ai “fornitori di servizi”, i quali svolgono prestazioni di mera consulenza (a questi fini, l’art. 4 del DM 17.11.2020 prevede che deve essere soddisfatto uno “standard di conoscenza”, determinato con riferimento alla conoscenza effettiva dell’operazione pericolosa, alle informazioni prontamente disponibili in ragione dell’attività di consulenza prestata, nonché al grado di competenza necessario per lo svolgimento del servizio);… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 25 – “Operazioni sospette al test del «vantaggio»” – Sandalo – Tomassini 
Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 25 – “La comunicazione ricade sugli intermediari coinvolti” – Sandalo – Tomassini 


LAVORO | LAVORO SUBORDINATO | LAVORO A TERMINE

Proroga senza causale fino al 31.3.2021 – Novità del Ddl. di bilancio 2021

Il Ddl. di bilancio 2021 dispone la proroga, dal 31.12.2020 al 31.3.2021, del termine di validità del regime transitorio in materia di contratti a tempo determinato, introdotto dall’art. 93 del DL 34/2020 (conv. L. 77/2020).
La norma ha semplificato il ricorso al contratto a termine, in deroga all’art. 21 del DLgs. 81/2015, consentendo di rinnovare o prorogare il contratto, per un periodo massimo di 12 mesi (ferma restando la durata massima complessiva di 24 mesi) e per una volta sola, anche in assenza delle causali di cui all’art. 19 co. 1 del DLgs. 81/2015.… CONTINUA»

Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 33 – “Check up sui contratti a termine: proroga senza causale fino al 31 marzo” – Colombo 
Dottrina Il Sole – 24 Ore del 21.12.2020, p. 33 – “Il rapporto agevolato va siglato entro la data ma può scadere poi” – Colombo 


OPERAZIONI STRAORDINARIE | CESSIONE D’AZIENDA | ASPETTI CIVILISTICI

Responsabilità del cessionario – Orientamenti giurisprudenziali (Cass. 7.10.2020 n. 21561)

In materia di responsabilità per i debiti dell’azienda ceduta (art. 2560 c.c.), Cass. 21561/2020 ha rimarcato che:
– l’iscrizione del debito nei libri contabili obbligatori è elemento costitutivo della responsabilità dell’acquirente;
– il co. 2 dell’art. 2560 c.c. non è suscettibile di applicazione analogica;
– la prova dell’iscrizione non può essere surrogata dalla prova che l’esistenza dei debiti era comunque conosciuta dall’acquirente (Cass. 22418/2017).
L’inesistenza dei libri contabili, quindi, non consente di integrare la responsabilità del cessionario.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Cessionario d’azienda responsabile solo per debiti nei libri contabili obbligatori” – Nicotra 


OPERAZIONI STRAORDINARIE | FUSIONE | ASPETTI FISCALI

Fusione per incorporazione – Determinazione del pro rata delle società incorporate (Cass. 5.11.2020 n. 24708)

Cass. 5.11.2020 n. 24708 ha esaminato i profili IVA di una fusione con incorporazione concernente società che esercitano il diritto alla detrazione con percentuali tra loro diverse.
Nel caso di specie, la fusione con incorporazione riguardava tre società aventi differenti pro rata di (in)detraibilità, poiché due di esse ponevano essere esclusivamente operazioni esenti mentre un’altra realizzava sole operazioni imponibili. A sua volta la società incorporante possedeva due pro rata distinti per ciascuna delle due attività esercitate ai fini IVA.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 21.12.2020 – “Effetti sul pro rata IVA anche dopo la fusione” – Greco