Breaking News ANC Venerdì 12 Luglio 2019

//Breaking News ANC Venerdì 12 Luglio 2019

Breaking News ANC Venerdì 12 Luglio 2019

ATTIVITÀ FINANZIARIE | ANTIRICICLAGGIO

Segnalazioni di operazioni sospette (SOS) – Dati relativi al 2018 – Presentazione del “Rapporto annuale 2018” dell’UIF

Dal Rapporto annuale 2018 dell’Unità di informazione finanziaria per l’Italia (UIF) emerge un aumento delle segnalazioni di operazioni sospette (SOS), a riprova della solidità della rete di collaborazione tra autorità, e l’intensificazione degli scambi informativi con l’estero, che hanno consentito di conseguire risultati notevoli perché alcune importanti indagini giudiziarie hanno tratto origine proprio da tali segnalazioni.
In particolare, le SOS trasmesse alla UIF nel 2018 sono state in tutto 98.030, con un incremento del 4,5% rispetto all’anno precedente; tale crescita risulta confermata anche nel primo semestre 2019. … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Regole tecniche antiriciclaggio attente alle situazioni più esposte al rischio” – De Vivo 


DIRITTO CIVILE | OBBLIGAZIONI E CONTRATTI | SINGOLI CONTRATTI [TIPICI E ATIPICI]

Compravendita – Azione di garanzia per vizi – Prescrizione – Interruzione con atto di messa in mora – Ammissibilità (Cass. SS.UU. 11.7.2019 n. 18672)

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la decisione 11.7.2019 n. 18672, ha statuito che, nel contratto di compravendita, la messa in mora del venditore è idonea ad interrompere la prescrizione annuale dell’azione di garanzia per vizi (art. 1495 co. 3 c.c.) e non occorre l’esercizio di un’azione giudiziale.
Pertanto, ai fini della produzione dell’effetto interruttivo, è sufficiente che l’acquirente del bene viziato comunichi al venditore la sua volontà di esercitare la garanzia mediante una qualsiasi dichiarazione formale ex art. 1219 c.c. entro un anno dalla consegna.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “La messa in mora del venditore ferma la prescrizione dell’azione di garanzia per vizi” – Pasquale 


DIRITTO CIVILE | PERSONE E FAMIGLIA | MATRIMONIO – IMPRESA FAMILIARE

Fondo patrimoniale – Imputazione dei redditi e adempimenti dichiarativi

Il fondo patrimoniale non assume una propria autonomia ai fini delle imposte sui redditi, sicché non è tenuto a presentare in via autonoma una dichiarazione dei redditi. Infatti, il fondo patrimoniale non configura un autonomo soggetto di diritto, ma costituisce un patrimonio separato e di destinazione, con l’effetto di sottrarre i beni compresi nel fondo alla responsabilità patrimoniale generale di cui all’art. 2740 c.c. e di destinarli al soddisfacimento dei bisogni della famiglia secondo quanto previsto dall’art. 170 c.c. … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Fondo patrimoniale privo di soggettività fiscale” – Liburdi 


DIRITTO SOCIETARIO

Uso di strumenti e processi digitali nel diritto societario – Novità della direttiva 2019/1151/UE

In data 11.7.2019 è stata pubblicata, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 186, la direttiva 2019/1151/UE, recante modifica della direttiva 2017/1132/UE per quanto concerne l’uso di strumenti e processi digitali nel diritto societario.
Più precisamente, la direttiva 2017/1132/UE viene modificata introducendo nuove norme in materia di:
– costituzione online delle società;
– registrazione online delle succursali;
– presentazione di informazioni e documenti online da parte delle società e delle loro succursali.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Registrazione delle società completamente on line negli Stati Ue” – Morino 


ENTI LOCALI | ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE

Salario accessorio – Categorie di dipendenti – Assoggettamento al trattamento del tetto accessorio – Profili critici

L’Autore evidenzia come, sulla base dei recenti interventi in materia da parte della Sezione regionale di controllo per la Puglia (con la deliberazione 21.2.2019) e della Ragioneria generale dello stato (con la nota 20.6.2019 n. 169507), il tetto del salario accessorio del 2016 vada considerato unitariamente e non distinto per categorie di dipendenti (segretari comunali, dirigenti, posizioni organizzative e dipendenti delle qualifiche) e non siano consentite compensazioni tra i fondi contrattuali, senza un titolo legislativo o contrattuale.… CONTINUA»

Dottrina Italia Oggi del 12.7.2019, p. 36 – “Il tetto del salario accessorio 2016 va considerato unitariamente” – Oliveri Livello di importanza 1


FISCALE | CONTENZIOSO | PROCESSO TRIBUTARIO | ORGANI E OGGETTO DELLA GIURISDIZIONE TRIBUTARIA | ATTI IMPUGNABILI

Ricorso contro il diniego di interpello – Revisione del diniego – Impugnazione separata dell’ulteriore diniego (Cass. 11.7.2019 n. 18604)

Cass. 11.7.2019 n. 18604 ha stabilito che il contribuente non può, tramite separato giudizio, impugnare il diniego di revisione della risposta negativa rilasciata a fronte di un interpello disapplicativo, in quanto così facendo si avrebbe l’effetto di moltiplicare, anche all’infinito, i giudizi.
Non è possibile applicare, dunque, l’orientamento giurisprudenziale in base al quale la risposta a interpello, nel sistema ante DLgs. 156/2015, è impugnabile.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Non impugnabile il rigetto di un’istanza di revisione di un interpello” – Redazione 


FISCALE | DEFINIZIONE DEI RAPPORTI D’IMPOSTA | CONDONI E SANATORIE | CONDONI E SANATORIE EX DL 119/2018

Lievi inadempimenti – Applicabilità – Rate successive alla prima

Gli artt. 1, 2 e 6 del DL 119/2018 rinviano all’art. 8 del DLgs. 218/97 per ciò che riguarda la disciplina dei versamenti delle rate successive alla prima e, quindi, per gli eventuali inadempimenti opera l’art. 15-ter del DPR 602/73.
Pertanto:
– una volta perfezionatasi la definizione, questa non viene meno in ragione di qualunque inadempimento nel versamento delle rate successive alla prima;
– i tardivi versamenti contenuti nei 7 giorni non danno luogo a decadenze;
– gli omessi/insufficienti versamenti possono essere sanati mediante ravvedimento operoso entro il termine di pagamento della rata successiva (o entro 90 giorni se si tratta di ultima rata);… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Lievi inadempimenti operanti per le definizioni di PVC, accertamenti e liti” – Cissello 


FISCALE | DEFINIZIONE DEI RAPPORTI D’IMPOSTA | CONDONI E SANATORIE | CONDONI E SANATORIE EX DL 119/2018 | ROTTAMAZIONE DEI RUOLI E DEGLI ACCERTAMENTI ESECUTIVI

Rottamazione dei ruoli – Rilascio di nuovi servizi (comunicato stampa Agenzia delle Entrate-Riscossione 11.7.2019)

Con apposito comunicato stampa pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione l’11.7.2019 i contribuenti sono stati informati che, nel caso in cui non abbiano ricevuto la “Comunicazione delle somme dovute” in esito alla domanda presentata per la c.d. “rottamazione-ter”, potranno ottenerne copia scaricandola dal sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione anche dall’area pubblica, quindi senza che sia necessario inserire pin e password, compilando apposito formed allegando il documento di identità.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Nuovi servizi di Agenzia Entrate-Riscossione per la rottamazione-ter” – Redazione 
Dottrina Il Sole – 24 Ore del 12.7.2019, p. 28 – “Pace fiscale, entro ottobre le lettere con i conteggi” – Morina – Morina
Dottrina Italia Oggi del 12.7.2019, p. 30 – “Alla pace fiscale basta un clic” – Provino 


FISCALE | DIRITTO TRIBUTARIO IN GENERALE | DECRETO CRESCITA (DL 34/2019)

Novità in materia di agevolazioni fiscali (nota di aggiornamento Confindustria 10.7.2019)

Confindustria, con la nota di aggiornamento 10.7.2019, fornisce un primo commento alle novità di natura fiscale contenute nel DL 34/2019 convertito.
Tra le principali misure in materia di agevolazioni, si segnala:
– la reintroduzione del super-ammortamento, con riferimento al quale la previsione di una soglia massima di investimenti agevolabili di importo pari a 2,5 milioni di euro solleva una serie di incertezze operative;
– la revisione della mini-IRES, con l’obiettivo di suscitare un maggior interesse da parte delle imprese;… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Incertezze operative sui super-ammortamenti con limite di 2,5 milioni” – Pecorari 


FISCALE | IMPOSTE DIRETTE | DISPOSIZIONI GENERALI | ONERI DETRAIBILI

Detrazione IRPEF/IRES per gli interventi di riqualificazione energetica – Spese sostenute dall’1.1.2018 – Cessione della detrazione (risposte Agenzia delle Entrate Videoforum Il Sole 24 Ore 30.5.2019)

Per le spese sostenute dall’1.1.2018, le detrazioni IRPEF/IRES spettanti per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici possono essere cedute sia nel caso di interventi eseguiti sulle parti comuni condominiali, sia nel caso di interventi eseguiti sulle singole unità immobiliari.
L’Agenzia delle Entrate ha definito le regole operative per la cessione di tali crediti con il provv. 100372/2019 e ha fornito chiarimenti nel corso del Videoforum che si è tenuto il 30.5.2019.
Il citato provvedimento stabilisce che, ai soli fini della cessione del credito, in presenza di diversi fornitori, la detrazione che può essere oggetto di cessione è commisurata all’importo complessivo delle spese sostenute nel periodo d’imposta nei confronti di ciascun fornitore.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Cessione parziale dell’ecobonus solo con più fornitori” – Zeni 


FISCALE | IMPOSTE DIRETTE | IRES | DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI

Trasferimento delle eccedenze di interessi passivi al consolidato fiscale – Presenza di perdite pregresse all’opzione (ris. Agenzia delle Entrate 11.7.2019 n. 67)

La ris. Agenzia delle Entrate 11.7.2019 n. 67 precisa che il trasferimento al consolidato delle eccedenze di interessi ex art. 96 del TUIR anche in presenza di perdite pregresse risulta proibito soltanto quando si considera aggirato il divieto di trasferimento al consolidato delle perdite fiscali pregresse indicato dall’art. 118 co. 2 del TUIR.
Nel caso in cui la società che partecipa al consolidato realizzi un risultato di periodo positivo, è necessario considerare che l’aggiramento del divieto di trasferire al consolidato perdite fiscali pregresse si realizza solo nei limiti dell’ammontare delle predette perdite effettivamente scomputate in sede di determinazione del risultato netto individuale di periodo.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Anche con perdite pregresse eccedenze di interessi trasferibili al consolidato” – Sanna 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

Accise sull’energia elettrica – Crediti maturati su una Provincia – Compensazione a copertura di debiti esistenti su una Provincia diversa – Limiti (Cass. 11.7.2019 n. 18618)

Con la sentenza 11.7.2019 n. 18618, la Corte di Cassazione ha affermato che il credito di accisa sull’energia elettrica maturato da un operatore economico su una Provincia non può essere compensato in maniera unilaterale, a copertura di un debito esistente su una Provincia diversa, senza il preventivo nulla osta della Dogana competente per la Provincia presso la quale è sorto il credito.
Infatti, in base ai chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Dogane con le note 24497/2016 e 637201/2009, il soggetto interessato, anteriormente all’utilizzo del credito, deve acquisire il nulla osta favorevole al trasferimento da parte dell’Ufficio che ne attesta l’esistenza, e comunicare l’operazione anche alla Dogana presso la quale intende effettuare la compensazione.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Crediti accise compensabili su Province diverse se autorizzati” – Ugolini 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | IVA | OBBLIGHI DEI CONTRIBUENTI | VARIAZIONE DELL’IMPONIBILE O DELL’IMPOSTA

Note di variazione in diminuzione – Accordo transattivo – Soggetti in regime forfetario ex L. 190/2014 (risposta interpello Agenzia delle Entrate 11.7.2019 n. 227)

Nella risposta interpello Agenzia delle Entrate 11.7.2019 n. 227 è stato chiarito che, qualora un soggetto passivo abbia reso una prestazione di servizi senza l’applicazione dell’IVA, in forza del regime forfetario per gli autonomi (L. 190/2014):
– il medesimo regime si applica alla nota di variazione in diminuzione emessa per la sopravvenuta riduzione del corrispettivo stabilita da un accordo transattivo;
– la predetta nota di credito può essere emessa nel termine di un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione, ai sensi dell’art. 26 co. 3 del … CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Per i forfetari anche la nota di variazione è senza IVA” – Gazzera
Dottrina Il Sole – 24 Ore del 12.7.2019, p. 28 – “Forfettario, note di variazione senza Iva” – Caputo – Tosoni 


FISCALE | IMPOSTE INDIRETTE | IVA | REGIMI SPECIALI

Organizzazione di corso di studi all’estero – Applicabilità del regime speciale IVA delle agenzie di viaggio

In base ad alcune pronunce della Corte di Giustizia UE (sentenze 22.10.98, cause riunite C-308/96 e C-94/97, e 13.10.2005, causa C-200/04), il regime speciale IVA previsto per le agenzie di viaggio (disciplinato, in ambito nazionale, dall’art. 74-ter del DPR 633/72) può essere applicato, a determinate condizioni, anche a soggetti che, pur nell’ambito di un’attività diversa, effettuano “operazioni identiche” a quelle rese da un’agenzia di viaggio o da un tour operator.
In particolare, la Corte UE ha riconosciuto l’applicabilità del regime speciale a un operatore economico che organizza viaggi studio e che fornisce in nome proprio, a un prezzo forfetario, il soggiorno all’estero, avvalendosi, a tal fine, dei servizi resi da altri soggetti passivi.… CONTINUA»

Dottrina Il Quotidiano del Commercialista del 12.7.2019 – “Il corso di studi all’estero può essere “pacchetto turistico”” – Borsa – Greco 

Informazioni sull'autore

Scrivi un commento